Elisium con il prodotto MAT è la startup della settimana

Elisium è una startup di Modena che lavora nel campo della sensoristica e dell’intelligenza artificiale applicata agli oggetti. Ha realizzato una piattaforma IoT dotata di assistenti vocali e intelligenze artificiali, ed il loro primo prodotto è MAT, un Assistente Vocale per auto portatile, che consente di parlare con la propria auto. Abbiamo rivolto le nostre domande al team, composto da Luca Montanari, Davide Baltieri e Lorenzo Lodi.

Come è nata l’idea di MAT?

Era una piovosa giornata d’autunno ed ero incolonnato sulla via Emilia direzione Bologna – spiega Luca – ovviamente infastidito dalla situazione ho iniziato a pensare quanto sarebbe stato bello avere un sistema che non solo mi informasse sul traffico in tempo reale ma potesse anche predirlo. Così ho subito contattato Davide (all’epoca lavoravamo per la stessa azienda e lui era fresco di dottorato di ricerca in IA) per verificare la fattibilità tecnica della cosa. Luce Verde! Così abbiamo ideato “Il Mio Amico Traffico”, dal cui acronimo è poi derivato il nome MAT. Ci siamo però resi conto in fretta che ad un sistema del genere mancava l’appeal necessario per il grande pubblico, perché le persone avrebbero dovuto acquistare qualcosa che avrebbe funzionato solo dopo averne installati diversi? Da lì ad ideare l’Assistente Vocale per auto portatile il passo è stato breve.

Come vedete il prossimo futuro?

Il futuro lo vediamo con prodotti come MAT, che ricordiamo non è solo il dispositivo ma anche l’app, installati su praticamente ogni veicolo, poiché crediamo che l’industria automotive per l’informatica diventerà sempre più un fornitore di piattaforma, in modo simile a quanto successo con gli smartphone, in cui ognuno è libero di installare le app che meglio crede. In parte lo ha già fatto per l’industrializzazione elettronica, moltissime componenti di un’auto moderna non sono più realizzate dalle case madri ma fornite da produttori esterni che non si occupano solo di automotive, non è un segreto la partnership di Nvidia, colosso statunitense per le schede grafiche PC, con Mercedes-Benz. L’auto di conseguenza è diventata la piattaforma su cui i produttori elettronici possono sviluppare i loro prodotti per l’automotive. Il nostro primo obiettivo è iniziare a fatturare e ci stiamo riuscendo (a breve emetteremo la nostra prima fattura!). Poi vogliamo espandere il team e diversificare senza perdere di vista il nostro prodotto di punta. Poiché se è vero che MAT rappresenta per noi il futuro, ci siamo resi conto che sia la piattaforma che abbiamo creato che gli algoritmi di IA possono essere utilizzati in altri svariati campi non per forza legati all’automotive, come la manifattura 4.0.

Come pensate di convincere gli investitori a credere nella vostra impresa?

Perché, se non basta il prodotto di per sé, tutti i dati e le analisi non commissionate da noi, ci teniamo a sottolinearlo, confermano la nostra vision. Secondo Capgemini entro il 2022 il 95% dei guidatori userà un assistente vocale per auto; considerando che le auto con assistente sono oggi una piccolissima parte di tutto il circolante ed il mercato è in deflessione, dubitiamo che il 95% degli automobilisti cambi la propria auto da qui a 3 anni. Senza contare il crescente car sharing e car pooling, che renderebbe comodo avere il proprio assistente sempre a portata di mano senza doversi preoccupare dell’auto che si userà. Infine ma non meno importante abbiamo anche un obbiettivo sociale, ridurre, anche si ci piacerebbe poter dire cancellare, l’uso del cellulare quando si è alla guida.

Contact


Per maggiori informazioni sul progetto contatta il referente territoriale Unindustria

Address

Via Toschi 30/A - 42121 Reggio Emilia RE

Phone

0522 409711

Email

info@upidea.it