Upidea funding – KPI6 e Playwood cercano finanziamenti

Si è svolto nei giorni scorsi presso la sede di Unindustria Reggio Emilia “Funding”, l’incontro rivolto agli imprenditori interessati a conoscere e investire in startup selezionate e accelerate da Upidea! Startup Program.

L’iniziativa rappresenta una nuova occasione per conoscere la crescita raggiunta da queste giovani imprese dopo il percorso di accompagnamento, ma anche l’opportunità per i neo-imprenditori di raccogliere un nuovo round di finanziamenti per raggiungere gli obiettivi di sviluppo.

Il primo appuntamento ha visto come protagoniste due startup reggiane.

La prima è KPI6, che ha sviluppato una piattaforma di Social media listening basata su algoritmi proprietari di Machine Learning e Intelligenza Artificiale; dopo la partecipazione ad Upidea è stata accelerata da LUISS ENLABS ed ha raccolto finanziamenti da LVENTURE GROUP e altri investitori.

La seconda, PLAYWOOD, propone un sistema di assemblaggio rapido e creativo basato su connettori modulari facilmente installabili che consentono di creare arredamento su misura; anche lei dopo aver partecipato ad Upidea è stata accelerata da LUISS ENLABS ed ha raccolto finanziamenti da LVENTURE GROUP, Primo Miglio SGR e altri investitori.

L’incontro è stato introdotto dal Presidente del Gruppo Giovani di Unindustria Reggio Emilia Enrico Giuliani che ha illustrato le potenzialità e i principali risultati raggiunti da Upidea, giunto quest’anno alla quarta edizione.

“In questi anni abbiamo selezionato oltre 200 domande e accelerato 25 startup che hanno già raccolto oltre due milioni di euro da imprenditori e fondi di Venture capital; siamo orgogliosi perché un progetto fortemente voluto dai Giovani Imprenditori di Unindustria è oggi diventato il progetto di tutti i Giovani imprenditori di Confindustria Emilia-Romagna. Questo incontro rappresenta un ulteriore passo verso il nostro principale obiettivo, aiutare le startup a diventare imprese solide a tutti gli effetti e stimolare i nostri imprenditori associati a investire in nuove idee per innovare il proprio business”.

 

 

SCHEDA DI APPROFONDIMENTO

 

PLAYWOOD “Dal prototipo ad un prodotto esportato in 28 Paesi, in soli 14 mesi”.

Nata a Reggio Emilia, ha una forte di una crescita mensile che supera il 25%, apre un nuovo round di finanziamento dedicato a consolidare il mercato e portare nuovi sviluppi.

PlayWood è un sistema d’arredo sviluppato per l’allestimento di spazi temporanei come uffici co-working, pop-up shops ed eventi. L’innovativo sistema di assemblaggio di proprietà della startup permette di utilizzare qualsiasi materiale e di montare il proprio arredo con la stessa facilità con cui si comporrebbe un gioco di costruzioni; ogni arredo può essere ri-assemblato e riciclato per creare nuovi progetti.

Non solo: il design degli arredi PlayWood è gratuito e può essere scaricato liberamente dal sito web per essere prodotto ovunque nel mondo con materiali locali, un approccio innovativo e altamente sostenibile che minimizza l’impatto dannoso del trasporto. Un approccio dinamico tipico dei modelli business digitali ma applicato ad un prodotto fisico.

Stefano Guerrieri, Ceo e founder, ha raccontato sul palco di Unindustria come il suo prodotto sia stato scelto dalle grandi catene di bricolage come Leroy-Merlin e Brico Next, per la capacità di attrarre una clientele giovane in costante movimento e di come la Startup stia approcciando il mercato Nord Americano: prima attraverso la distribuzione e poi con l’e-commerce.

L’investimento richiesto per finanziare il nuovo sviluppo è di 600.000 €. L’investimento sarà utilizzato per sviluppare e rafforzare la struttura della giovane impresa, accrescere il team ed ampliare il mercato internazionale. Il 50% della cifra richiesta è già stato confermato dagli attuali investitori LVenture Group, holding quotata sull’MTA di Borsa Italiana che investe in startup digitali e Barcamper Ventures, fondo di investimento gestito da Primomiglio SGR SPA.

 

KPI6 “I dati sono il nuovo petrolio, una risorsa grezza i cui benefici restano appannaggio di chi li sa interpretare”.

Nata a Reggio Emilia, è la piattaforma Software as a Service che rivoluzionerà il mondo dei Big Data Analytics.

La soluzione è composta da due elementi:

  • Analytics. Un ambiente di Listening multisorgente puro, che permette di creare delle richieste ai database dei principali social network e fonti online pubbliche. Decine tra widget e filtri permettono all’utente di visualizzare infinite combinazioni di dati per rispondere alle domande più importanti che ogni professionista del marketing si pone quotidianamente.
  • Audiences: un ambiente dedicato all’enrichment demografico e psicografico dei gruppi di utenti intercettati in fase di listening; possibile grazie a potenti algoritmi proprietari di Intelligenza Artificiale e alla collaborazione con IBM Watson, leader del cognitive computing, in totale trasparenza e compliance con le regolamentazioni sul trattamento dei dati.

Kpi6 ha affrontato con successo il programma di accelerazione di LUISS Enlabs conclusosi con l’aumento di capitale dal commitment più alto della storia di LVenture Group (2016). Da allora la crescita non si è mai arrestata, passando da accordi commerciali con importanti realtà della consulenza come Deloitte, del mondo bancario come Intesa Sanpaolo e di gruppi di Alta Moda come OTB.

Oggi KPI6 si è arricchita di nuovi asset tecnologici e finanziari che permetteranno di ampliare l’offerta e attaccare segmenti mercato sempre più ampi.

Anche il team è cresciuto negli ultimi mesi, rinforzando la propria seniority in ambito di business development e sviluppo di soluzioni basate sull’Artificial Intelligence.

L’ ambizione è quella di diventare definitivamente indipendenti da fonti di dati provenienti da terze parti, “debrandizzare” le conversazioni social e integrare elementi di statistica e di human knowledge per restituire una visione chiara e sempre più completa rispetto a qualsiasi fenomeno di interesse, per aziende che vogliono fornire in maniera virtuosa prodotti e servizi sempre più personalizzati.

L’obiettivo di Alberto Nasciuti, Founder è di coprire, in soli 3 anni, l’1% del mercato globale della Media Intelligence, che permetterebbe di raggiungere un fatturato di 130 milioni di dollari.

Inoltre, ogni investimento permetterà di partecipare a una struttura societaria complementare, che penetrerà il mercato con 4 diversi progetti: oltre a KPI6, il gruppo lancerà un sistema altamente scalabile come Odience, una ICO del dato chiamata Crowdata e una piattaforma di industry intelligence, Summ.ai.

Contact


Per maggiori informazioni sul progetto contatta il referente territoriale Unindustria

Address

Via Toschi 30/A - 42121 Reggio Emilia RE

Phone

0522 409711

Email

info@upidea.it